Skip to content

I NOSTRI COMUNICATI RIGUARDO IL COVID

L’ attenta gestione invernale delle restrizioni riguardanti il COVID ha permesso alla Grecia di contenere efficacemente i contagi.

Tutti i viaggiatori (NB: inclusi i MINORENNI che hanno già compiuto 5 anni), indipendentemente dalle modalità d’ingresso in Grecia dovranno:

1. Compilare, almeno 24h prima dell’ingresso nel paese, il Passenger Locator Form (PLF), con il quale devono fornire informazioni sul luogo di provenienza, sulla durata dei soggiorni precedenti in altri paesi e sull’indirizzo del proprio soggiorno in Grecia. Si precisa che la pagina travel.gov.gr è gestita dalle Autorità greche e non dall’Ambasciata d’Italia ad Atene. Per quesiti legati al funzionamento del sito e/o dubbi sull’ingresso nel Paese connessi alla compilazione del PLF è possibile contattare il numero di assistenza indicato dalle Autorità greche: (0030) 2155605151 (in inglese o greco), attivo dalle 9 del mattino alle 5 del pomeriggio dal lunedì al venerdì (ora di Atene, +1 ora rispetto all’Italia).

2. Presentare la Certificazione Digitale Covid-UE (cosiddetto “Green Pass”), purché questo attesti:
a) il completamento del ciclo vaccinale da almeno 14 giorni (il conteggio dei giorni parte dal giorno successivo a quello della somministrazione dell’ultima dose); ai fini del solo ingresso in Grecia, il Certificato Digitale Covid-UE attestante il completamento della vaccinazione (due dosi o monodose) ha una durata di 9 mesi (mentre il Green Pass vaccinale comprensivo di dose di richiamo/booster non ha scadenza).
in alternativa
b) guarigione da Covid-19 negli ultimi 180 giorni (per la normativa ellenica tale certificato è valido a partire dal 14° giorno successivo al tampone positivo);
c) tampone molecolare (PCR) negativo effettuato nelle 72 ore prima dell’ingresso in Grecia o tampone antigenico rapido effettuato nelle 24 ore prima dell’ingresso in Grecia. Qualora si dovesse fare ingresso in Grecia da un paese che non ha adottato il sistema del Certificato Digitale Covid-UE (per una lista si veda il sito della Commissione Europea), è necessario sottoporsi a un tampone molecolare (PCR) 72 ore prima dell’arrivo in Grecia o, alternativamente, a un tampone rapido nelle 24 ore antecedenti l’ingresso nel Paese. La certificazione attestante la negatività a tale tampone deve essere tassativamente in inglese e riportare il nome del titolare, così come indicato sul documento d’identità.

Ai passeggeri sprovvisti di uno dei certificati di cui al punto 2 e/o di PLF, verrà rifiutato l’imbarco

A seguito dell’Ordinanza del Ministero della Salute 27 gennaio 2022, in vigore dal 1 febbraio al 15 marzo 2022, l’ingresso in Italia a chi proviene dai Paesi della Lista C (Paesi Europei, Grecia inclusa) è consentito, in assenza di ulteriori soggiorni o transiti in Paesi di altri elenchi nei 14 giorni precedenti l’ingresso, presentando:

1) il Passengers Locator Form italiano (https://app.euplf.eu/#/form), debitamente compilato;

2) Certificato Digitale UE/Green Pass di completamento del ciclo vaccinale per COVID-19 con vaccino autorizzato dall’EMA (o certificato equivalente)
o
Certificato Digitale UE /Green Pass rilasciato a seguito di completa guarigione da COVID-19 e cessazione dell’obbligo di isolamento (o certificato equivalente)
o
Certificato Digitale UE/Green Pass o certificato equivalente rilasciato a seguito di test molecolare o antigenico condotto con tampone e risultato negativo
test molecolare da effettuare nelle settantadue ore precedenti l’ingresso in Italia
test antigenico da effettuare nelle quarantotto ore precedenti l’ingresso in Italia.

Il documento al punto 1 (dPLF) è sempre necessario. In caso di mancata compilazione del dPLF, può essere negato l’imbarco.

I documenti al punto 2 sono alternativi tra loro. In caso di mancata presentazione di uno dei documenti indicati al punto 2, l’ingresso in Italia è consentito solo a condizione di sottoporsi a 5 giorni di isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria seguiti da test molecolare o antigenico.

Con riferimento al punto 2, ai soli fini dell’ingresso in Italia, rimane ferma la validità dei certificati digitali UE di vaccinazione prevista dai relativi Regolamenti UE (9 mesi).


ATTENZIONE sul territorio nazionale, dal 1 febbraio, la validità del Green Pass o certificato equivalente rilasciato a seguito di vaccinazione completa è ridotta a sei (6) mesi.
Inoltre, è possibile accedere al trasporto pubblico, ai servizi di ristorazione, ai servizi alberghieri e ad altre attività solo in presenza del cosiddetto Green Pass Rafforzato o Super Green Pass (vaccinazione/guarigione).

Per maggiori informazioni si prega di consultare il sito: Viaggiare Sicuri: https://www.viaggiaresicuri.it/approfondimenti-insights/saluteinviaggio (selezionare la sezione “Elenco C”)

Alla Grecia, mancava solo l’abolizione del Plf come ultima misura anti Covid per tornare alla normalità. Ed è ciò che ha appena fatto.
Dopo aver eliminato il tampone obbligatorio all’ingresso, dal prossimo 15 marzo, infatti, per viaggiare verso questo Paese tanto amato dagli italiani non sarà più necessario compilarlo prima di arrivare.
Era l’ultimo requisito rimasto e anche quello è stato cancellato dalle autorità greche.

RICHIEDI INFORMAZIONI